COT: ruolo chiave per la presa in carico del paziente – Ne parliamo a Exposanità

Advenias_COT Exposanità

Le Centrali Operative Territoriali (COT) assumono un ruolo chiave nel nuovo assetto del Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e rappresentano un tassello fondamentale per la presa in carico del paziente per la dimissione protetta verso il territorio.

Anche per questa edizione Advenias è presente ad Exposanità: quali aspetti rendono la manifestazione tanto interessante da oltre vent’anni?

Exposanità è un’occasione unica per confrontarsi con esperti di fama nazionale e internazionale e con altri professionisti del settore, per scambiare esperienze e idee. Sta emergendo un ricco programma di convegni, workshop, tavole rotonde e seminari per approfondire le ultime novità del settore healthcare, nel quale non vediamo l’ora di immergerci e al pari stiamo organizzando noi stessi, sulle Centrali Operative Territoriali e il loro potenziale nel Sistema Nazionale italiano.

 

 

Come mai parlare delle Centrali Operative Territoriali?

Il nostro workshop vuole aiutare la gestione di una “macchina” complessa, ma fondamentale. Le COT permettono una gestione ampia e diversificata del paziente cronico nei servizi sul territorio, dalla presa in carico alle dimissioni, fino all’integrazione con emergenza e urgenza.

 

Queste centrali favoriscono la continuità assistenziale tra i diversi setting di cura (ospedale, territorio, domicilio), garantendo un approccio multidisciplinare e personalizzato al paziente, in aggiunta consentono di attivare e coordinare i servizi territoriali (assistenza domiciliare, infermieristica, riabilitativa, sociale) in base alle esigenze del paziente e supportano il processo di dimissione protetta, in ottica di continuità assistenziale e di raccordo tra ospedale e territorio. Si possono gestire pazienti con bisogni sanitari e sociali complessi, attivando percorsi di cura personalizzati e multidisciplinari, possono al pari dialogare con la Centrale Operativa per la gestione di situazioni di urgenza non critica.

 

L’incontro vuole trattare il tema delle Centrali Operative Territoriali e l’ampio sistema di gestione che gravita attorno nel modello messo a punto dalla Regione Veneto. Quali esempi all’avanguardia e quali le possibilità di sviluppo? Quali sono le best practice per la sua gestione?

 

 

Quali sono le sfide per le COT che verranno trattate nell’incontro?

Il workshop indaga il tema dell’implementazione effettuata in Regione Veneto in ambito PNRR, in particolare andando a evidenziare quanto fatto sino ad ora in ambito COT e dando una visione anche delle prospettive future inerenti PUA ,116-117.

 

I temi trattati saranno molteplici. Se è necessario un sistema informatico interoperabile che permetta la comunicazione e la condivisione dei dati tra i diversi setting di cura, occorre anche formare il personale sanitario e sociosanitario, adeguando le risorse finanziarie per garantire il corretto funzionamento.

 

Andremo a osservare esperienze passate, situazione attuale e prospettive future di un percorso che abbraccia tutti i vari tasselli che compongono la presa in carico e la gestione del paziente.

Tratteremo quindi l’implementazione efficace di queste unità di coordinamento e di come questa permetterà di migliorare la presa in carico del paziente, l’efficienza dei servizi sanitari e la soddisfazione dei cittadini.

 

 

Vuoi partecipare al nostro workshop? Ti aspettiamo il 18 aprile alle 13:30 in  SALA MARTINI – Piano terra, Centro Servizi: preiscrizioni qui.

 

Vi aspettiamo a Bologna Fiere dal 17 al 19 aprile 2024, stand P31, Blocco A5.

CONDIVIDI

Potrebbe interessarti anche

Advenias_Cot2024

COT: situazione attuale e sviluppi futuri

Alla COT, Centrale Operativa Territoriale, arrivano informazioni derivanti da servizi sociali dei Comuni, Cure Domiciliari Integrate (ADI), Case della Comunità (CdC), Unità di Continuità Assistenziale (UCA), strutture ospedaliere, altre strutture

Leggi