Ieri, oggi e domani nella sanità: considerazioni di fine anno e sviluppi futuri

Advenias 2023 sanità

Dicembre è il mese per antonomasia per tirare le somme e prepararsi al nuovo anno.

Nel mondo della sanità ci sono state numerose evoluzioni, ma al pari nuove opportunità e sfide che si presenteranno anche nell’anno a venire. Ne parliamo con Fulvio Bovard, Amministratore Delegato di Advenias e professionista nel settore da vent’anni.

Quali sono stati gli input più interessanti per quest’anno nel mondo della sanità, a tuo avviso?

Ci sono state moltissime novità (le nuove richieste dal mondo ADI, le evoluzioni in Abruzzo, ecc), tuttavia ne selezionerei un paio che a mio avviso saranno centrali nei mesi a venire.

Senza stare qui a dilungarmi credo sia innegabile la crescente attenzione al mondo della sanità in una nuova ottica One Health e One Health Digital, ne abbiamo parlato tanto sia partecipando a eventi fisici, sia tramite interventi e interviste online.

Poi, posto di primo piano stanno acquistando le COT, Centrali Operative Territoriali, centri nevralgici sul territorio che possono sempre più offrire uno scorcio sulla situazione sanitaria attuale e sugli spazi di intervento.

Entrambi questi ambiti sicuramente saranno ancora toccati nei mesi a venire.

 Con quale approccio dovremo muoverci nel nuovo anno?

Partirei dicendo che dobbiamo approcciarci al nuovo anno sapendo che qualunque esso sia, non potrà mai essere quello esaustivo.

Mai sentito parlare dell’elefante di Mintzberg?

Lo riassumerei così: sei persone non vedenti, a cui non è mai stato spiegato cosa sia un elefante, vengono messe in una stanza dove si trova l’animale e gli viene detto che possono toccarlo per capire come è fatto. Allora chi arriva all’altezza della proboscide afferma che sa cos’è l’elefante, l’elefante è la proboscide. Chi arriva all’altezza della zampa destra però lo corregge, l’elefante è la zampa destra, e al pari fanno gli altri. Henry Mintzberg, Bruce Ahlstrand e Joseph Lampel spiegano così come si possa intendere la strategia.

 Mi permetto di prendere in prestito questa metafora per parlare dell’approccio da adottare per il 2024, valido per molti temi, anche quello della sanità territoriale e il paradigma One Health.

Parlare di assistenza territoriale e i suoi sviluppi vuol dire spacchettare e riprendere le osservazioni che possono emergere da vari punti di vista, sapendo che potremmo avere degli angoli ciechi e solo nel condividere osservazioni possiamo effettivamente trarre alcune conclusioni.

Insomma, tutte le affermazioni e i punti di vista possono essere vere, ma diventerebbero immediatamente false, se non le si prendessero nel loro insieme. Nel 2024 dovremo ancora più pensare all’ottica sinergica e integrata.

Per Advenias quali novità si sono avvicendate nel 2023?

La novità più rilevante è stata sicuramente il nostro ingresso nel Gruppo Zucchetti, realtà imprenditoriale italiana, che recita un ruolo di primaria importanza nel settore della produzione di software per la digitalizzazione dei processi aziendali.

Questa nuova opportunità ci permette, pur mantenendo la nostra identità, le nostre specificità e la nostra vision, di arricchire la nostra line-up grazie ad un processo di integrazione con i prodotti del gruppo, consentendoci di rispondere efficacemente alla crescente domanda di digitalizzazione del settore sanità, con soluzioni su misura e integrate tra loro e rispondenti al paradigma One Health Digital.

In chiusura quali momenti lavorativamente parlando porti con te con più vividezza nel 2023?

Sono stati moltissimi, sicuramente ho avuto grande soddisfazione nella partecipazione al Forum della Non Autosufficienza [edizione 2023 ndr] per cui ringrazio nuovamente Giovanni Delgrossi, Paola Galetti, Vincenzo Barra, Alessio Cicirelli e Vincenzo Trivella per i loro interventi interessanti. Rinnovo anche il mio più sentito apprezzamento a Raffaele Benaglio, per il prezioso ruolo di mediatore che anche quest’anno ha deciso di assumere per noi, e a Paolo Galfione, per essere intervenuto a questo nostro incontro.

Al pari abbiamo conseguito grandi traguardi nell’anno, come la Competenza AWS e anche la certificazione SGDT, abbiamo davvero portato l’asticella ancora più su quest’anno.

Infine, non posso non citare il cuore di tutto ciò: il nostro fantastico team interno.

Voglio esprimere gratitudine a tutta Advenias, le persone che potreste aver conosciuto alle Fiere o facendo le formazioni e quelle che non si sa nemmeno ci siano, rimaste dietro a un pc per innovare e supportare nella fruizione del prodotto. Tutte e tutti hanno offerto il loro prezioso lavoro coadiuvato che ci ha permesso di realizzare questo splendido 2023 quindi non posso che concludere ringraziando loro.

Infine, sono sempre soddisfatto della forte collaborazione che si riesce a integrare, motivo per cui voglio ringraziare in primo luogo Paolo Semprini, Direttore Commerciale, Umberto Brighetti, CTO, e Silvia Malaguti, CFO.

 

CONDIVIDI

Potrebbe interessarti anche